Recanati città dell'Infinito

#infinitorecanati   Facebook   Instagram   Youtube   CONTATTI   Italiano   English

INAUGURAZIONE MUSEO BENIAMINO GIGLI

Inaugurazione-Museo-B.Gigli


SABATO 6 APRILE 2024

Museo della Musica e Museo Beniamino Gigli c/o Teatro Persiani

ore 16:30

 


Si inaugura sabato 6 aprile, alle ore 16.30, il nuovo museo Beniamino Gigli, ospitato nella Sala dei Trenta del Teatro Persiani di Recanati.

Con un percorso cronologico e tematico, il museo ripercorre la vita e la straordinaria e lunga carriera del grande tenore lirico, magistrale interprete del bel canto italiano, da molti ritenuto l’erede del grande Enrico Caruso. Recanati, suo paese natale da cui Beniamino partì giovanissimo, ma a cui è stato legato per tutta la vita, restituisce così ad uno dei suoi figli più celebri il giusto riconoscimento.

Nato nel 1961 in virtù della generosa donazione degli eredi di Gigli, e in particolare della figlia Rina, che hanno messo a disposizione numerosi costumi di scena, oggetti, cimeli, fotografie, lettere e documenti appartenuti al cantante, il museo è stato completamente rinnovato grazie ad un finanziamento ottenuto dal Comune sui fondi PNRR per l’abbattimento delle barriere architettoniche cognitive e sensoriali. Il nuovo allestimento non è una semplice, seppure preziosa, esposizione di cimeli, ma un percorso fortemente interattivo, dotato di postazioni e installazioni video, musicali e cinematografiche, arricchito dagli scenografici costumi di scena delle sue interpretazioni più famose.

 

Tratto distintivo del nuovo allestimento è l’accessibilità: il Museo che si va ad inaugurare è un museo che vuole rivolgersi a un pubblico eterogeneo, un museo per tutti.

Un museo per i cittadini di Recanati che potranno così approfondire la conoscenza del loro concittadino, scoprendone, oltre agli indiscutibili meriti artistici, gli aspetti più umani e il fortissimo legame che, durante tutta la sua carriera e nonostante la sua frenetica attività, ha intrattenuto con i suoi luoghi d’origine e la sua gente, non mancando di elargire ai meno fortunati una parte cospicua della ricchezza che il successo gli aveva portato.

Un museo per i turisti che affollano Recanati sulle orme di Giacomo Leopardi, ma che forse non sanno che il paese ha dato i natali anche al grande tenore e alla sua voce anch’essa, a suo modo, evocatrice di poesia.

Un museo per gli appassionati della musica lirica, ma anche per i neofiti, che potranno rivivere la carriera di Gigli attraverso la storia della sua folgorante carriera, i costumi di scena delle opere che ha più amato, risentirne la voce nell’ampia selezione delle più celebri arie d’opera e delle canzoni popolari, rivederlo nelle apparizioni cinematografiche in cui, certo, come attore non dà il meglio di sé, ma che contribuirono ad alleviare le sofferenze degli Italiani negli anni di guerra e del dopoguerra ed avvicinarono al bel canto un pubblico che mai si sarebbe avvicinato ad un teatro.

E, soprattutto, un museo aperto a tutti i visitatori. Un museo progettato per abbattere le barriere architettoniche, cognitive e sensoriali, in cui anche gli utenti con disabilità visive potranno effettuare la propria visita in autonomia grazie alla segnaletica tattile-plantare e ai sussidi permanenti, tra cui opere per l’esplorazione tattile, planimetrie e didascalie accessibili.

 


INFO
071 7570410
Whatsapp 393 8761779

Skip to content